Il carrello è vuoto

Lo spettacolo della complessità del vino

La complessità olfattiva determina l'insieme dei profumi che costituiscono l'essenza del vino. Per valutare la complessità è necessari grande attenzione e pazienza in quanto è necessario che il vino abbia il tempo per esprimere ed emanare tutti i suoi profumi. E' quindi opportuno annusare il vino più volte per capire questo fattore.

Per fare un esempio con un mazzo di fiori, ipotizzando un mazzo di rose rosse ed un mazzo con fiori diversi, potremmo avere la stessa intensità di profumo, nel secondo caso però le sfumature del profumo sprigionato dal mazzo di fiori misti sarebbe certamente superiore e quindi sarebbe superiore la relativa complessità.

Il ragionamento è lo stesso per il vino.

In linea di massima possiamo dire che è relativamente semplice trovare un vino con profumo intenso, più difficile invece è trovare e poter degustare un vino che abbiamo una complessità ampia e ben distinta.

La complessità si distingue in 5 macro classificazioni:

Carente

E' carente un vino con scarse o quasi assenti sfumature odorose. Un vino di questo tipo è un vino da evitare e

Poco complesso

E' un vino con una bassa varietà di sfumature, il cui numero rimane invariato anche dopo varie inspirazioni. Questo si può verificare con vini giovani e semplici, non è una situazione inaccettabile ma sicuramente si può bere vino migliore.

Abbastanza complesso

E' un vino con una sufficiente o discreta varietà di sfumature odorose, che si liberano in sequenza, dopo diverse inspirazioni. Questa caratteristica è tipica dei vini giovani o di quelli che hanno avuto una maturazione breve.

Complesso

E' un vino con molte sfumature, articolate tra quelle di diversi profumi (fiori, minerali, spezie, ecc) e che si possono percepire in maniera chiara e precisa. In genere sono vini maturi, sia rossi che bianchi e in alcuni rari casi anche in alcuni piuttosto giovani ma ricavati da vitigni con marcata olfattiva

Ampio

E' un vino con moltissime sfumature odorose, distinte e diversificate tra molti gruppi di profumi e che riuscite a riconoscere con diverse inspirazioni. E' una prerogativa delle degustazioni dei grandi vini, molte volte derivanti da lunghe evoluzioni e ottenuti da vitigni importanti.

Torna all'indice sulla degustazione. 

Regala il sapore di un pensiero

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Come si esegue una degustazione verticale
La degustazione verticale è un particolare modo per degustare e apprezzare al meglio uno stesso vino prodotto in annate diverse. Se ci avrete seguito saprete ormai che il vino è un prodotto din...
Panoramica sulla degustazione del vino
Degustare un vino significa analizzarlo con i nostri 3 sensi (vista, olfatto e gusto) per capire pregi e difetti che il vino presenta. Per degustare del vino non è necessario essere sommelier es...
Come si determina la persistenza gustativa?
Al completamento dell'analisi gustativa manca veramente poco, oggi parliamo di persistenza gustativa, o anche persistenza gustativa intensa (P.A.I.), un parametro che determina la struttura e la q...
Lo stato evolutivo del vino
Dopo aver guardato, annusato e bevuto il vino, cioè aver eseguito le tre fasi della degustazione (visiva, olfattiva e gustativa), si passa alle considerazioni finali e tra queste alla valutazione...

Seguici su FacebookSeguici su TwitterGuardaci su YouTubeSeguici su Google+

impara a degustare

Scopri le nostre Formule di Degustazione!

Un mese di Prova di Piacere di Vino Un mese di prova de La Dolce Vita

Iscriviti alla newsletter per ricevere in regalo la "Scheda di degustazione AIS" , lo "Schema di abbinamento Cibo-Vino" e rimanere sempre aggiornato.

Regala del vino
Porta un amico
Contattaci


Iscriviti alla newsletter per ricevere in regalo la "Scheda di degustazione AIS" , lo "Schema di abbinamento Cibo-Vino" e rimanere sempre aggiornato.