La Sveltina

Eccoci alla settima uscita degli articoli che vede da vicino come è possibile soddisfarsi reciprocamente con le gioie della sveltina. Sebbene gli uomini siano sempre felici di assecondare le esigenze della partner, talvolta vorrebbero saltare ogni preliminare e andare al sodo.

Per poter essere paziente e impiegare con regolarità il tempo di cui la donna ha bisogno in amore, l'uomo ha bisogno di sfogarsi occasionalmente con una sveltina. Per poter praticare le sveltine senza rimorsi da parte dell'uomo di non aver fatto il "suo dovere" con lei, serve un accordo tra i due in cui si rende nota la consapevolezza dell'esigenza dell'uomo di voler e dover a volte fare una sveltina e, si condivide con la partner cosa lei vuole in cambio per fare squadra insieme e ottenere reciprocamente soddisfazione.

Trovare accordi su cosa ci piace ricevere e in che modo possiamo poi contraccambiare, è importante per evitare che l'uomo venga respinto da parte della partner, senza volerlo.

Arricchire la vita sessuale con le sveltine (senza rimorsi da parte dell'uomo), procura ad entrambi un sollievo inaspettato, in quanto lui sa che ogni tanto può sfogare questa necessità e non si sente in colpa di non soddisfare lei in quanto reciprocamente si lavora per soddisfare le rispettive esigenze.

Perché gli uomini smettono di prendere l'iniziativa?
ogni volta che l'uomo prende l'iniziativa e viene respinto, ne esce ferito. Dopo ripetuti fallimenti, non se la sente più di prendere l'iniziativa e talvolta perde addirittura il desiderio fisico. Magari comincia a desiderare altre donne da cui non è mai stato respinto e pensa che la compagna non gli piaccia più. Se invece perde il proprio interesse verso il sesso, magari da la colpa all'età.

Spesso all'inizio di un rapporto amoroso, le coppie fanno l'amore ogni volta che possono. Poi le esigenze pratiche del lavoro e della casa ritornano a farsi pressanti e naturalmente si riduce la frequenza. Succede che l'uomo prende l'iniziativa e dice "facciamo l'amore?" e lei da risposte senza rendersi conto che suonano come un rifiuto. Nonostante il sesso interessi all'uomo, dopo essere stato scottato tante volte, inizia a trattenersi e attende che la partner gli dia un chiaro segnale di disponibilità. Di conseguenza, ogni volta che si trattiene dal prendere l'iniziativa, si sente sempre più respinto.

Perché gli uomini si sentono respinti?
Dal punto di vista biologico e ormonale gli uomini sono molto più predisposti al sesso delle donne, ed è naturale che ci pensino di più. Poiché lo desidera tanto, l'uomo si sente rifiutato quando non lo ottiene. Come abbiamo visto nelle precedenti pubblicazioni, è tramite l'eccitazione sessuale che l'uomo si apre ai sentimenti. Quando l'uomo si eccita il suo cuore si apre ed è li che il dolore del rifiuto può colpirlo a fondo. Dopo un po', non sa come fare per non essere respinto e questo, non fa che accrescere la frustrazione. Il risultato è che l'uomo cessa di sentirsi attratto dalla partner. Questa perdita di attrazione non è frutto di una scelta, bensì di una reazione automatica. In alcuni casi l'uomo dedica l'attenzione verso una donna immaginaria di cui magari non gli importa nulla e cosi facendo, non rischia di provare frustrazione per il rifiuto. In alcuni casi poi, l'uomo si infatua di una sconosciuta e perde interesse per colei che ama.

Per l'uomo è importante comprendere che alle donne il sesso piace, ma poterne sentire il desiderio è molto complesso per loro. Per poter mantenere nel tempo intatte passione e attrazione, l'uomo deve ricevere dalla partner dei messaggi espliciti che gli dicano che è bello fare sesso con lui. Quando lei non è in vena inconsciamente lui pensa: "lo sapevo, non le piace il sesso". Per cambiare questa tendenza, uno dei modi è che lei gli invii ripetutamente messaggi volti a fargli capire che il sesso le piace.

Molte volte la donna è potenzialmente in vena di sesso, ma l'uomo non se ne accorge. Quando la donna è incerta, significa che ha bisogno di un po' di tempo, attenzione e dialogo per scoprirlo. Dopo aver acquisito questa nuova consapevolezza, l'uomo potrà facilmente superare la tendenza a sentirsi subito rifiutato e rinunciare in partenza. A questo punto, quando la partner è incerta, lui potrebbe chiedere "c'è una parte di te che ha voglia?"..lei risponderà quasi sempre si e poi, forse, passerà ad elencare tutti i motivi per cui in quel momento non ha voglia e mentre la ascolterà l'uomo, dovrà continuare a ricordare che la donna non gli sta dicendo di no, ha solo bisogno di parlare e ritroverà il desiderio. Molte volte dopo aver esaminato i motivi per cui non è in vena, sarò lei a dire: "facciamolo subito".

La comunicazione è fondamentale. L'uomo non capisce che la donna ha voglia e desiderio quanto lui, ma che in certi momenti, senza il suo sostegno emotivo non riesce a provarli e prima che le sue esigenze sessuali diventino forti come quelle di lui (che ricordiamo accendersi subito), lei ha bisogno di sentirsi corteggiata e amata. Talvolta bastano poche parole affettuose o dei fiori.

Sempre più le donne si lamentano che i partner non sono interessati a loro, ma dietro la semplice impressione di non interesse, si nascondono processi comunicativi a cui non siamo addestrati. Per la donna è doloroso sentirsi respinta ogni volta che vorrebbe parlare, quanto per l'uomo è doloroso e frustrante sentirsi dire, anche se in maniera tenue, di no. Senza comprendere le differenze tra uomo e donna e senza mettere in atto le strategie di "riscaldamento e comprensione" da parte di lui nei confronti di lei e le strategie di "lanciare messaggi chiari di desiderio e di imparare a non dire no in malo modo sostituendolo a volte con la sveltina" da parte di lei, dopo tre quattro anni le coppie perdono attrazione fisica. Nel prossimo articolo vedremo perche le coppie lo fanno sempre meno.
Un immenso abbraccio e...Cin Cin :0)

Altri Post che puoi leggere

Il vino fa bene al sesso
Da sempre si conoscono gli effetti benefici del vino sulla salute e spesso si dibatte sul rapporto tra vino e sesso, ma cosa c'è di vero? Il vino fa veramente bene al sesso? Un libro "Vino ed...
Metodo classico e metodo Charmat
Gli spumanti si possono produrre tramite il metodo classico e tramite il metodo Charmat. Il metodo classico o champenois, prevede che la presa di spuma avvenga in bottiglia, il metodo...
La storia dei vitigni: il Trebbiano
Il Trebbiano è uno dei vitigni più antichi, risalente al periodo etrusco e conosciuto in epoca romana, fa la sua comparsa per la prima volta sui colli Romagnoli. E' un vitigno a bacca bianca...

Lascia il tuo commento

Aggiungi il tuo avatar utilizzando il servizio gratuito Gravatar.COM


Codice di sicurezza
Aggiorna

Seguici su Facebook Seguici su Twitter Guardaci su YouTube Seguici su Google+ Guardaci su Instagram

Guida alla degustazione del vino

Iscriviti alla newsletter per ricevere in regalo la "Scheda di degustazione AIS" , lo "Schema di abbinamento Cibo-Vino" e rimanere sempre aggiornato.