Il carrello è vuoto

Lo stato evolutivo del vino

Dopo aver guardato, annusato e bevuto il vino, cioè aver eseguito le tre fasi della degustazione (visiva, olfattiva e gustativa), si passa alle considerazioni finali e tra queste alla valutazione delle "stato evolutivo".

Lo stato evolutivo serve per indicare, a fronte del vino esaminato, se le uve hanno raggiunto la loro massima qualità a fronte dell'evoluzione dovuta al tempo.

Va considerato che non esiste una definizione tale per cui "un vino dopo 2 anni è pronto", questo dipende dal tipo di vino, dal tipo di affinamento, dai vitigni utilizzati ecc . Non fatevi quindi ingannare dalle annate che trovate sulle bottiglie, troverete ottimi vini di età diverse e non si può dire a priori se un vino di 2 anni è meglio di un altro vino di 4 anni, sicuramente saranno vini diversi ma comunque di qualità, ognuno con una sua tradizione e storia da raccontare.

In termini generali possiamo comunque dire che il vino evolve nei profumi, nei colori e nei sapori diventando sempre più morbido e armonico. In questo processo l'affinamento ricopre un fattore fondamentale.

Con il tempo, e come detto questo può essere diverso, ogni vino raggiunge il suo grado di maturazione ottimale per poi andare a decadere progressivamente.

Lo stato evolutivo viene classificato in questo modo:

Immaturo: degustando il vino notiamo diverse situazioni anomale, il vino necessita quindi di maturare/affinare. Vini di questo tipo non dovrebbero essere messi sul mercato.

Giovane: in questo caso le sensazioni non sono completamente equilibrate ma comunque non sgradevoli. Prevale ancora la durezza e necessitano quindi di un ulteriore periodi di affinamento.

Pronto: in questo caso il vino si presenta armonico ed equilibrato ma ancora in evoluzione. Con il tempo il vino dovrebbe quindi migliorare, di norma gran parte dei vini in commercio appartengono a questa categoria per assicurare una vita maggiore al vino messo in vendita.

Maturo: il vino ha raggiunto la sua armonia ottimale, è equilibrato e si trova quindi all'apice delle caratteristiche che può esprimere. Questo è il massimo grado di apprezzamento per un vino.

Vecchio: il vino è entrato nella sua parabola discendente, il colore si sta spegnendo, si notano variazioni o alterazioni dei profumi e degli aromi. Anche questo è un fattore negativo, in quanto in questo caso il vino va tolto dal mercato.

Torna all'indice sulla degustazione.

Regala il sapore di un pensiero

Altri articoli che potrebbero interessarti:
Come si determina la persistenza gustativa?
Al completamento dell'analisi gustativa manca veramente poco, oggi parliamo di persistenza gustativa, o anche persistenza gustativa intensa (P.A.I.), un parametro che determina la struttura e la q...
Cosa valuta la degustazione orizzontale
In un precedente articolo abbiamo parlato di degustazione verticale, oggi parliamo della degustazione orizzontale per capire cosa si valuta e perché viene fatta. Abbiamo più volte detto che il ...
La qualità gustativa del vino
La qualità gustativa rappresenta il riepilogo finale del giudizio su intensità e persistenza gusto-olfattiva e si percepisce espirando. Per valutarla è necessario far ricorso alle proprie espe...
Cosa determina la complessità del vino
La complessità olfattiva determina l'insieme dei profumi che costituiscono l'essenza del vino. Per valutare la complessità è necessari grande attenzione e pazienza in quanto è necessario che i...

Seguici su FacebookSeguici su TwitterGuardaci su YouTubeSeguici su Google+

impara a degustare

Scopri le nostre Formule di Degustazione!

Un mese di Prova di Piacere di Vino Un mese di prova de La Dolce Vita

Iscriviti alla newsletter per ricevere in regalo la "Scheda di degustazione AIS" , lo "Schema di abbinamento Cibo-Vino" e rimanere sempre aggiornato.

Regala del vino
Porta un amico
Contattaci