A+ A A-

Vino e Autunno

vino e autunno

I sapori di questo periodo tra ottobre e novembre che si trovano in giro per l'Italia, contemplano per esempio le castagne, i tartufi e ovviamente, l'opera enogastronomica si realizza abbinando vino.
E' appena terminata la Biennale del Gusto di Venezia (che era in vita dal 26 al 29 ottobre) dove centinaia di etichette sono state servite da esperti sommelier. Questa manifestazione ha fornito il meglio della produzione enologica italiana per ben 4 giorni.

Per chi ama divertirsi all'interno delle manifestazioni "doc", fino al 17 novembre a Parma, ogni domenica dagli stand dedicati si potranno degustare le meraviglie che hanno come tema il tartufo nero che, come ormai risaputo, insieme al super pregiato tartufo bianco, è uno dei più ricercati prodotti della cucina.

Tutta Italia in autunno esprime il meglio del proprio potenziale attraverso le proposte sempre aggiornate di produttori, cantine, manifestazioni, ecc, che questo periodo dedica al buon vino.

La Toscana per esempio festeggia con l'edizione di Chianti d'Autunno in cui diversi comuni propongono svariate iniziative che saranno in essere fino al 1° dicembre. In questa occasione, come in tante altre, tradizioni ed enogastronomia si legano ad arte e cultura. 



Un accenno va fatto anche all'olio extravergine d'oliva (EVO) dove sempre in toscana per esempio dal 29 novembre al 1° dicembre ci saranno visite guidate ai frantoi, degustazioni, mostre mercato, corsi di assaggio e laboratori per i più piccini.
 Per tutta la durata della manifestazione di Chianti d'Autunno, saranno presenti decine di ristoratori locali che presenteranno menù a base di piatti poveri della tradizione toscana.

Vorrei anche approfittare per far notare una piacevole tendenza che in questo periodo va a consolidarsi sempre più e che riguarda la gradazione alcolica in ribasso del vino.

La mania dei vini rossi molto alcolici e molto strutturati, si sta trasformando con attenzione a gradazioni più flessibili in termini di leggerezza.

Partendo da sud con il Nero d'Avola troviamo un meraviglioso vino che, a differenza di quando qualche decennio fa veniva utilizzato solo come vino da taglio, oggi invece, si beve un succo che trasferisce molto bene la grandezza del vitigno, coi suoi tipici sentori di prugna e di more.
Potremmo parlare di tanti vini, come il Lacrima di Morro d'Alba marchigiano, con l'inconfondibile naso di rosa e viola,
oppure potremmo parlare del fatto che vale la pena mettere naso (e bocca) in vini come il Rosso di Montepulciano, che esprime il carattere e la personalità del Sangiovese.
Un'altro vino di cui parlare (e su tanti ci sarebbe da scrivere) sempre per citare solo alcuni esempi, è il Grignolino il cui mix di sensazioni che si potrebbero trovare come il lampone, il pepe bianco, la rosa canina, armonizzano proprio in virtù del basso tasso alcolico. Dal Veneto, il Valpolicella Classico che offre stili di Amarone in versioni piacevolmente leggere.

Insomma i colori d'autunno riprendono il rosso mattone delle foglie degli alberi che entrano nel meritato riposo che servirà ad affrontare l'inverno, entrano in ogni regione d'Italia, in ogni cantina, nelle fiere e allettano vista, naso e palato in una armonia di sapori, tradizioni, storie e cultura enogastronomica che sono davvero un cocktail meraviglioso di cui approfittare.

Amici di Made in Vino, per chi compra vino e per chi regala vino, per chi adotta il nuovo modo di bere vino e per chi ama il vino, un grandissimo Cin-Cin e Alla Salute :0)

Vota questo articolo
(0 Voti)

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.

Torna in alto

Newsletters

Guida alla degustazione del vino

Iscriviti alla newsletter per ricevere in regalo "La bibbia del sommelier"

The World of

  1. Hot
  2. New
Cosa significa cuvee?

Cosa significa cuvee?

29 Ottobre 2013

Idee Regalo

Idee Regalo

30 Agosto 2013

Come riconoscere i difetti del vino

Ultimi vini degustati

Search

Sign In or Create Account